Oratorio

L'Oratorio Centro Giovanile (OCG) si qualifica per l’accoglienza di tutti i ragazzi e giovani del territorio, e per la ricchezza della sua proposta formativa. Ha una propria progettualità, che si rifà alla tradizione dell'Oratorio voluto da Don Bosco e al Progetto educativo dell’Istituto “San Francesco di Sales”, di cui è parte integrante. È uno spazio aperto alla partecipazione di piccoli e grandi, ragazzi e ragazze, animatori e genitori, tutti i giorni e i mesi dell’anno, in orario extrascolastico. Ha come organismo di animazione e organizzazione il Consiglio oratoriano.

 

«L’oratorio esprime il volto e la passione educativa della comunità, che impegna animatori, catechisti e genitori in un progetto volto a condurre il ragazzo a una sintesi armoniosa tra fede e vita. I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell’esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco, studio» (CEI, Educare alla vita buona del Vangelo, n. 42).

 

In Oratorio si trova un luogo idoneo per la propria maturazione come soggetti e protagonisti di vita, dove poter stare ed esprimersi liberamente, un’area popolare che tutti, dai più grandi ai più piccoli, possono sentire proprio, adeguato ai propri bisogni. È un habitat di incontri informali con amici e coetanei, un luogo di divertimento, ma anche uno spazio in cui aggregarsi, impegnarsi e realizzarsi come persone e come cristiani. È un luogo di incontro che le famiglie considerano “sicuro e fidato”, come «un ponte tra strada e Chiesa».

 

Chi entra all’Oratorio percepisce non solo a livello strutturale, ma soprattutto a livello di rapporti di essere accolto e voluto bene. Respira sin dai primi momenti un clima di familiarità. Trova una comunità di adulti e giovani animatori, pronti a recepire bisogni e attese, a rispondere ai desideri più profondi di autostima e di realizzazione più piena, a proporre esperienze positive e significative in ogni senso.

 

Per questo, l’Oratorio, a partire dalle esigenze dei ragazzi e giovani, propone cammini differenziati di crescita umana e cristiana, si distingue per processi che articolano insieme educazione ed evangelizzazione. Indica, in particolare, itinerari di risveglio religioso e di fede, connotati dai seguenti elementi:

 

  • una tessitura articolata di catechesi sistematica ed occasionale per tutti;
  • forme di accompagnamento personale e vocazionale, quali la direzione spirituale e il colloquio educativo;
  • iniziazione alla preghiera individuale e comunitaria, come quella quotidiana in cortile;
  • partecipazione a significative esperienze celebrative, quali la liturgia della Parola, la liturgia penitenziale e la liturgia eucaristica, privilegiando la domenica, come “giorno del Signore” e “giorno della comunità”;
  • valorizzazione dei tempi liturgici e partecipazione ad esperienze di incontri, ritiri e giornate di spiritualità nei “tempi forti”;
  • coinvolgimento negli avvenimenti della Chiesa locale e del territorio.

 

L’Oratorio tende continuamente a mettere insieme ed equilibrare esigenze individuali, di gruppo e di comunità, favorendo un’esperienza ecclesiale quanto più ampia ed integrata possibile. Si mantiene equidistante da forme di massificazione e di individualismo. Un fattore determinante di crescita è l’esperienza del gruppo che racchiude in sé forti potenzialità educative: nel gruppo, infatti, ogni ragazzo e giovane matura il senso di responsabilità della dignità personale, del servizio, dell’amicizia e della comunione e, sotto la guida di animatori attenti e capaci, può vivere un’autentica “esperienza di chiesa” e di educazione sociale e politica.


Per i particolari specifici di ogni anno, per l’organizzazione e le attività, vienici a trovare su Facebook: http://facebook.com/oratorio.cibali