Settori Scuola



Asilo Nido Don Bosco

ORARIO DI APERTURA: 08.30/13.30

 

ARRIVO ANTICIPATO ED USCITA POSTICIPATA

Vengono considerati servizi extra rispetto alla retta, con un margine di orario che va dalle 07.30 alle 14.30.

SERVIZIO MENSA

Il servizio mensa attivo dal Lunedì al Venerdì prevede la preparazione della pastina (con omogeneizzato, formaggino, pomodoro, passato di verdure, legumi…), il menù varia di giorno in giorno. Il costo non è incluso nella retta quindi i genitori per la fornitura del servizio dovranno pagare euro 10 a settimana (che vanno date direttamente alle educatrici).

Le entrate ricavate serviranno al mantenimento dei servizi del nido quali acquisto di: materiale didattico, giochi, mobili di arredo, fotocopie, ma anche di vivande, piatti, bicchieri, omogeneizzati, biscotti…. Per una maggiore trasparenza viene annotato tutto in un registro prima nota.

ATTIVITA’ EDUCATIVE

Sono mirate alle varie fasce di età:

LATTANTI (0-12 mesi) L’obiettivo è quello di potenziare le capacità senso-motorie, stimolando loro a seguire visivamente gli oggetti ed afferrarli, scuotere i sonagli ,captare da dove arrivano i suoni, inoltre, per una maggiore autonomia è necessario che imparino a sollevarsi da terra aggrappandosi agli oggetti che li circondano, cercando di mantenere una posizione eretta. Altre attività che proponiamo possono essere ad esempio rotolare sui tappeti, battere le manine, riconoscere la propria immagine riflessa e le varie parti del corpo… Compito dell’educatore è anche quello di stimolare i vocalizzi e la lallazione degli infanti.

SEMI-DIVEZZI (12-24 mesi) L’obiettivo principale è quello di favorire lo sviluppo delle capacità logico-pratiche, espressive ed una coordinazione oculo-manuale (es.digito pittura). Le prime si acquisiscono attraverso la manipolazione di vari materiali quali: la pongo, la plastilina, oggetti da incastrare o da mettere in pila. Mentre per facilitare l’acquisizione del linguaggio , molto utile è l’ausilio di canzoncine e giochi cantati, oltre al fondamentale ruolo dell’educatore “scaffolding” che stimola i bimbi a parlare.

DIVEZZI (24-36 mesi) Dopo aver già acquisito le elementari competenze non ci resta che potenziare le capacità logico-pratiche attraverso la manipolazione di materiali diversi da quelli utilizzati precedentemente come ad esempio creare delle palline di carta crespa, cercare di ricostruire un puzzle, fare dei collage… Inoltre, bisogna mirare a migliorare la loro forma espressiva, dando vita ad es. a delle conversazioni guidate con argomenti introdotti da noi, utile può essere anche sfogliare dei libri ed interpretare le immagini, o ancora la lettura di fiabe. In più bisogna affinare anche le loro capacità logico-sensoriali, utile ad esempio è chiedere ai bimbi di procedere al riordino degli oggetti aventi una determinata forma, colore, grandezza…

Alle attività individuali si affiancano una molteplicità di attività di gruppo aperte a tutti quali: canzoncine abbinate a movimenti, giochi musicali (maracas, tamburelli,sonagli), disegno libero, pittura (colori a cera,tempera e a dito), momento della preghiera prima dei pasti, lettura e racconto di fiabe, giochi di motricità, gioco libero, gioco simbolico (facciamo finta che…), saltelliamo su “Giò Giò” il nostro gonfiabile, tricicli, costruzioni, animaletti, visione dei cartoni, travasi…

ATTIVITA’ ESTERNE

E’ nostra intenzione, tempo permettendo, effettuare delle uscite periodiche in cortile, anche nel periodo autunnale o invernale, per portare il bambino alla conoscenza della natura e dell’ambiente esterno, attraverso l’osservazione del mutare della natura come il trascorrere delle stagioni, ma soprattutto, per trascorrere momenti di puro divertimento nell’area giochi.

L’organizzazione della giornata tipo :

08.30-09.30 Accoglienza e gioco libero con l’uso di costruzioni, bambole, macchinine, gonfiabile,

tricicli, ecc.

09.30 Chiusura dell’accoglienza

09.30-10.30 Inizio delle attività:

- attività di gruppo per sviluppare relazioni collaborative e cooperative tra coetanei (di

imitazione, gioco simbolico, canti e filastrocche, manipolazione, travasi, giochi euristici...)

- attività individuali nelle quali l’educatrice propone un lavoro al singolo bambino per

stimolare competenze e capacità.

10.30-11.00 Momento di preghiera e merendina

11.00-11.30 Tutti nella stanza dei giochi a saltellare con “Giò Giò”

11.30-11.45 Cura di sé: laviamo le mani e prepariamo la tavola

12.00-12.30 Pranzo, momento di convivialità con il proprio gruppo e le educatrici

12.30-13.00 Cura di sé: cambio del pannolino e ci prepariamo alla nanna. Lettura di fiabe o visione di un

cartone

13.00-13.30 Uscita dei bambini, ci salutiamo e raccontiamo ai genitori come è trascorsa la giornata.